Cedolare secca

Legge di bilancio 2020: cedolare secca al 10%

Uno dei primi articoli della Legge di bilancio 2020, almeno secondo il testo bollinato lo scorso 2 novembre dalla Ragioneria dello Stato, contiene un'ottima notizia cioè la proroga della cedolaren secca al 10% per i contratti di locazione a canone concordato. Si ricorda che in generale, la cedolare secca è un regime facoltativo che consente di sostituire l’irpef e le relative addizionali, l’imposta di registro e l’imposta di bollo con il pagamento di un’imposta sostitutiva. Questa facoltà riguarda le persone fisiche, titolari del diritto di proprietà o del diritto reale di godimento di un immobile che danno in locazione fuori dall’esercizio di attività di impresa, arti e professioni. Nel caso in cui il locatore opti per la cedolare secca:

  • il locatore applica sul totale dei canoni di locazione un’imposta sostitutiva;
  • i redditi da locazione non sono più rilevanti ai fini Irpef (ma vanno comunque indicati in dichiarazione ai fini del riconoscimento di benefici collegati al possesso di requisiti reddituali; come per esempio la determinazione dell’Isee). 

Ma andiamo con ordine. L'aliquota prevista per l'imposta sostitutiva cd. cedolare secca "a regime" cioè senza riduzioni, sarebbe del 15% ma nel 2014 era stata ridotta al 10%, e la Legge di Bilancio 2018 aveva prorogato l'aliquota ridotta del 10% anche per il biennio 2018-2019.

Al termine di quest'anno, quindi, l'aliquota sarebbe dovuta tornare al 15%, così il Governo aveva provato una via intermedia : introdurre "a regime" l'aliquota sulla cedolare secca dei canoni concordati al 12,5%. Le polemiche a quel punto erano state molto forti. Così,  ora l'articolo 3 del DDL di Bilancio modifica direttamente l'articolo 3, comma 2, del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23, al fine di ridurre dal 15 al 10% "a regime" la misura dell'aliquota della cedolare secca da applicare: 

  • ai canoni derivanti dai contratti di locazione di immobili ad uso abitativo stipulati ai sensi degli articoli 2, comma 3, e 8 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 (contratti a canone "concordato"),
  • relativi ad abitazioni ubicate nei comuni ad alta densità abitativa.

Si ricorda che l'aliquota della cedolare secca da applicare agli affitti a canone libero è , e rimane al 21%.